Archive for dicembre, 2012

Mountain bike

81416705733074909_u4n08pcl_bLa mountain bike è un tipo di bicicletta molto diffuso, che purtroppo molti non utilizzano nel pieno delle sue infinite possibilità.

La sua particolare struttura è stata infatti studiata affinché possa comodamente circolare oltre le strade battute e asfaltate, ma negli sterrati e nei sentieri di campagna, con comodità e agilità sia nei percorsi in salita che in quelli in discesa.

Il telaio della mountain bike è stato strutturato in modo tale che sia più solido e resistente rispetto alle bicicletta da città: il materiale più diffuso è infatti una particolare lega d’alluminio che conferisce al mezzo leggerezza e agilità, in una struttura decisamente più articolata rispetto alle bici classiche.

Alcuni modelli particolari e spesso fabbricati su commissione per particolari imprese, vengono costruiti in particolari leghe d’alluminio, di carbonio o di titanio che conferiscono maggiore robustezza e performance di un certo livello, mantenendo comunque basso il peso e alta la resistenza alla trazione, ma sono modelli che hanno costi di produzione, e quindi di vendita, decisamente molto più elevati.

Con una bicicletta di tipo mountain bike ci si può spingere anche in sentieri particolarmente accidentati e rocciosi come quelli di montagna, grazie anche alla struttura ammortizzante dove il lavoro maggiore è svolto dalla forcella posteriore, particolarmente adatta ad assorbire gli urti e gli shock.

Alcuni modelli di mountain bike destinati, per esempio, alle competizioni agonistiche dove le velocità sono elevate e occorre un grande controllo del mezzo che dev’essere garantito anche dalla manovrabilità su terreni scoscesi, la bicicletta è dotata di forcella anteriore ammortizzata, mentre per l’ammortizzazione posteriore utilizza un sistema integrato nel telaio.

Ma la sua grande possibilità di azione su terreni con diverse pendenze e composizioni è derivata anche da un sofisticato impianto di trasmissione, connumero di marce variabile a seconda del modello e della tipologia di mountain bike, che offrono al ciclista la possibilità di scegliere in che maniera affrontare il percorso via via che questo si sviluppa.

Una particolarità delle mountain bike, che le differenzia dalle bici da corsa, è la possibilità di percorrere un lasso di spazio molto limitato con una sola pedalata, funzionalità particolarmente utile quando ci si trova a dover affrontare percorsi in salita con percentuali di pendenza particolarmente accentuate.

La leva per il cambio marcia nella mountain bike è posta sul manubrio, in posizioni differenti in base al modello ma sempre localizzata in modo tale da essere raggiungibile senza dover spostare le mani dal manubrio.

Ma per affrontare i terreni dissestatati è importante che la bicicletta sia dotata di pneumatici resistenti che consentano un grip efficace sul terreno e per questo motivo le incisioni sono particolarmente alte e profonde.

Inoltre, la ruota di una mountain bike è superiore ai 22 pollici come diametro e la domma dello pneumatico è costruita con miscele particolarmente resistenti per evitare forature, spesso inevitabili, su terreni accidentati.

Tra le mountain bike più apprezzate ci sono quelle di Del Sante, prodotte in diversi modelli a seconda dell’utilizzo che si intende fare e delle caratteristiche del ciclista.

Vino italiano

wineBottlesNoi italiani abbiano la fortuna di vivere in un Paese che vanta una lunga tradizione enogastronomica; in particolare, in fatto di vini possiamo contare su un patrimonio che coinvolge ogni regione grazie ai vitigni autoctoni ed alle pregiate uve che rendono ogni bottiglia speciale ed inconfondibile.

Dal Nord al Sud è un fiorire di profumi e sapori che restano a lungo impressi nel palato di chi degusta un buon vino.

Tante sono le cantine e le enoteche sparse sul territorio attraverso le quali possiamo conoscere ed apprezzare ogni tipo di vino, sia esso da pasto o da meditazione.

E, con l’avvento delle nuove tecnologie, anche il web diventa un valido trampolino di lancio per la presentazione e la vendita di vini italiani.

Ne è un esempio lo shop aperto dai viticultori Casali: visitando la pagina web http://shop.casalivini.it ci si può rendere conto di quanto sia vasta la gamma dei vini proposti.

Il meglio della cultura enologica emiliano-romagnola è racchiuso in queste pagine e, con un semplice click, è possibile scegliere e farsi spedire al proprio domicilio prodotti di notevole livello qualitativo.

Da oltre 100 anni, i vini tipici dell’Emilia Romagna vengono proposti da questa florida azienda che, con il suo catalogo, soddisfa tutti i palati, anche quelli più esigenti.

In poche mosse si passano in rassegna i vini bianchi, i rossi da pasto, gli spumanti, i lambruschi, gli apprezzati bianchi di Scandiano, le malvasie ed i rosati per concludere con le grandi riserve e le taglie “extralarge” delle bottiglie Magnum.

Ancora tanto gusto e sapori unici ci aspettano se decidiamo di portare a casa uno squisito aceto balsamico che proprio nelle terre emiliane vede le sue origini.

Completare un acquisto tramite il sito dell’azienda “Casali” è facile ed intuitivo: basta scorrere il menu posizionato ad inizio pagina e, a seconda delle nostre esigenze, possiamo optare per la tipologia di vino desiderata.

Ma il bello di questo negozio virtuale è che ogni singola bottiglia viene ampiamente illustrata attraverso una scheda prodotto che risulta essere una sorta di carta d’identità del vino; con un click sul prodotto scelto, ci sarà possibile verificare il territorio ed il vitigno e ci verranno descritte le sue qualità.

Potremo, dunque, imparare tutto su quella determinata tipologia di vino prima ancora di berne un bicchiere: ottima la descrizione delle note olfattive e del gusto e decisamente comode le indicazioni sugli abbinamenti con prodotti gastronomici e sulla temperatura perfetta per la degustazione.

Se fino a questo momento non avevate mai pensato di poter acquistare dei vini online, questa è l’occasione giusta per farlo: ogni bottiglia ha un prezzo decisamente concorrenziale e, se vi affrettate, potrete approfittare di offerte strepitose che azzereranno le spese di spedizione.

Ed in pochissimo tempo, magari proprio per Natale, il meglio dei vini emiliano-romagnoli sarà sulla vostra tavola.

Organizzare un congresso a Parma

Se dovete organizzare un congresso e volete evitare che i vostri ospiti si annoino, potreste scegliere una cittadina come Parma per organizzare il vostro meeting.

La qualità della vita è alta a Parma, un luogo piacevola da visitare per le sue bellezze artistiche e per il buon cibo.
Nelle ore precedenti e seguenti al congresso potreste organizzare per i vostri ospiti dei tour enogastronomici e per qualsiasi tipo di organizzazione ci sono strutture e tour operator che vi aiuteranno nella vostra impresa, orgnizzando ogni dettaglio e guidandovi nella scelta delle strutture che meglio possano accontentare i gusti dei vostri ospiti.

Ad esempio sul sito web di Food Valley Travel è possibile ricevere assistenza nell’organizzazione di meeting e convegni, non solo a Parma, ma in tutta l’Emilia-Romagna.

Il tour operator su citato propone tutte le tipologie di strutture: dalle location più classiche all’interno di hotel e centri congressi, fino a quelle più sconosciute sparse sul territorio, come antiche ville, castelli, casali, ecc.

Grazie a food valley travel si possono scegliere anche attività di gruppo da abbinare alle riunioni e ai meeting di lavoro, scegliendo tra una vasta serie di attività leisure di gruppo con svariate finalità, che volendo si potranno anche definire insieme al cliente.

Già sul sito web dell’ incoming tour operator per Prma e provincia si può richiedre qualunque tipo di preventivo senza impegno.

Sul sito di food valley travel potete cercare strutture d’accoglienza e di ristorazione per categorie e per fasce di prezzo. Si trovano Hotel e dimore di charme, da 2 a 5 stelle, sparsi per le varie località della provincia di Parma.

Se si preferisce un soggiorno più veloce ed economico, è possibile scegliere tra svariati agriturismi, b&b e nuovissime realtà di ospitalità rurale che si stanno sviluppando sempre più nel territorio.

L’elenco delle strutture selezionate da food valley travel permette di distinguere nella ricerca anche tra strutture disposte in pianura, in collina o in montagna.

Per quanto riguarda i Bed e Breakfast, ce ne sono molti nelle aree della Provincia di Parma e Piacenza.

Nel motori di ricerca del sito si possono scegliere anche strutture di ristorazione, selezionati con particolare attenzione alla qualità dei prodotti, sulla base anche dell’alta qualità del servizio e della particolarità degli ambienti.

Troverete infatti i recapiti e i link di riferimento di ristoranti, pizzerie, trattorie, osterie e poi ci sono anche gli indirizzi dei più noti locali di ritrovo, per chi preferisce trascorrere le serate in maniera più disinvolta e allegra.

Il tutto si può prenotare singolarmente oppure si possono trovare delle convenientissime offerte e pacchetti turistici, dall’apposito menu a colonna che compare in alto in evidenza sul sito, in modo da fare un preventivo completo per tutta l’organizzazione del congresso, in ogni minimo dettaglio.

Emilia, tra cultura e sapori

L’Emilia, territorio che si estende tra il Po e l’Appennino, è considerata unanimemente come la culla della gastronomia italiana. Qui si producono cibi di eccellenza come il parmigiano reggiano e l’aceto balsamico che sono apprezzati in tutto il mondo e poi salumi pregiati come il prosciutto di Parma, lo zampone e il cotechino, il cui sapore viene esaltato se gustati con un buon bicchiere di lambrusco.

Il turista che è alla ricerca di luoghi affascinanti e ricchi di storia e di cultura può trovare in Emilia il modo per abbinare questa sua passione al buon cibo perché in questa terra, dove le tagliatelle e i tortellini si preparano ancora a mano, ci sono località di un fascino unico che sono in grado di sorprendere anche il visitatore più scettico.

Bologna “la dotta” è il capoluogo della regione e descrivere le sue bellezze artistico-culturali non è certo cosa da poco, dalle sue celebri Torri alla bellissima Piazza Maggiore e poi i suoi numerosi portici che permettono di salire al coperto fino al Santuario della Madonna di San Luca.

C’è tanta arte e tanta buona cucina e la sua provincia non è da meno con i bei castelli e i borghi sull’Appennino, ma anche le altre città non difettano certo di attrattive.

C’è Piacenza, dove tra un piatto di “pisarei e faso” e un sorso di Gutturnio ci si può dedicare alla visita del centro storico con le sue chiese romaniche e quindi i suoi dintorni dove, oltre ai castelli, non mancano i borghi medioevali come Castell’Arquato, il cui aspetto è immutato da secoli.

Da qui ci si può anche imbarcare alla volta di una crociera sul Po che attraversa questo fertile territorio per ammirare la pianura da una visuale inconsueta.

E che dire di Parma che è considerata una delle capitali della musica. L’attaccamento dei parmensi nei confronti dell’opera lirica è proverbiale e il suo Teatro Regio è un vero e proprio gioiellino per gli interni e l’acustica, ma ci sono anche splendidi monumenti di arte romanica come il Battistero e il Duomo che sono i più fulgidi esempi italiani di questo stile architettonico.

Sono tanti i palazzi nobiliari e le opere d’arte, conservate qui, mentre la sua Cittadella ricorda la vicenda narrata da Stendhal ne “La certosa di Parma” insieme alla vicina Abbazia di Valserena che da sempre viene erroneamente definita Certosa.

Tra anolini in brodo, tortelli di erbette e bomba di riso c’è da visitare la provincia per fare magari tappa a Busseto, patria di Verdi o a Roncole dove è nato e poi ancora tanti castelli sull’Appennino, dando magari la precedenza a quello di Felino che ospita il Museo del Salame.

Nella Food Valley italiana ci sono anche Reggio e Modena. La prima diede i natali alla nostra bandiera tricolore, mentre Modena vanta uno delle più belle basiliche romaniche italiane.

Se si vuole seguire un itinerario un po’ insolito si possono visitare località come Brescello per vedere dal vero gli scenari che fecero da sfondo ai celebri film di Don Camillo e Peppone o Maranello per sentire il rombo dei motori di una delle più prestigiose industrie automobilistiche al mondo.

Una cosa è certa: ovunque si vada in Emilia si troveranno trattorie e ristoranti dove il “mangiar bene” è una vero e proprio must.
Noi vi consigliamo un ristorante a Rubiera, una città tra Reggio Emilia e Modena, un luogo dove troverete la tipica cucina emiliana, un’ambiente caldo e famigliare che vi farà sentire come a casa.

Leggings push up: l’aiuto invisibile per una silhouette perfetta

I leggings push up sono l’ultima frontiera per quanto riguarda gli indumenti modellanti: si tratta di un capo economico e pratico da indossare – da solo o sotto altri indumenti – che regala al corpo femminile una forma invidiabile. L’effetto push up, infatti, esalta le forme e le sostiene dove serve, contribuendo a fare sentire la donna che li indossa più bella e sicura di se.

 

Per le donne un po’ pigre che desiderano curare il proprio corpo ma non trovano mai il tempo di farlo esistono particolare leggings ad effetto idratante, che agiscono sulla pelle simulando l’azione di un massaggio a base di crema idratante. Grazie ad un’innovativa formulazione a base di mandorle dolci questi leggings sono capaci di rilasciare sostanze idratanti una volta indossati e agiscono sulla pelle con un massaggio dolce e benefico: un risparmio in termini economici ma anche di tempo, perché portare questo capo è un po’ come spalmarsi crema sulle gambe e sottoporsi a una seduta di massaggio in una spa.

 

I principi attivi contenuti della trama di questo capo vengono progressivamente rilasciati una volta a contatto con la pelle, senza bisogno da parte di chi li indossa di dover muovere un dito. L’ideale quindi per le donne che non hanno molto tempo da dedicare alla bellezza delle gambe, ma non per questo vogliono rinunciare a una cura benefica per questa parte del corpo femminile sempre in primo piano e principale fattore di seduzione. Il risultato del massaggio idratante esercitato da questi particolari leggings è una pelle nutrita, morbida e vellutata, quindi estremamente bella da guardare e piacevole da accarezzare.
I leggings modellanti e idratanti sono in più pratici perché possono essere lavati normalmente in lavatrice (a 30°) come un normale indumento e per di più senza perdere il loro potere idratante sulla pelle: infatti il tessuto di cui sono composti ha dimostrato di mantenere il 20% delle sue caratteristiche anche dopo 30 lavaggi.

In più, pur essendo molto speciali, all’aspetto esterno sono dei leggings come tutti gli altri: quindi non solo possono essere indossati in vari modi e momenti, ma soprattutto non svelano in alcun modo il loro segreto. Agiscono quindi discretamente e in modo molto efficace.
Disponibili nelle taglie dalla 1° alla 4°, questi leggings idratanti possono essere indossate da tutte le donne e con diversi tipi di look. Come leggings veri e propri, infatti, si abbinano bene a maxi t-shirt e pull in vari materiali, invece come capo invisibile possono essere portati sotto pantaloni e jump-suit senza rivelare la propria presenza. Infine, sono perfetti anche in sostituzione di calze con gonne o vestiti.